Sanno come trovare parole vere

Il direttore del cinema documentario, insegnante di scuola e chirurgo di un endocrinologo ci ha raccontato le loro relazioni con la verità e il ruolo che svolge quotidianamente nella loro professione.

Nel lavoro di ciascuno di essi, la parola è uno strumento molto importante. Il medico informa il paziente di una malattia grave;L’insegnante entra in contatto con gli studenti, mantenendo una distanza;Il regista con i suoi film ci aiuta a capire la nostra vita. Sanno come comunicare attentamente e onestamente, ma allo stesso tempo rimangono se stessi. C’è un limite per la loro verità?

A volte la capacità di trasmettere la tua verità attentamente e apertamente, non nascondersi dietro le parole e senza cambiare te stesso, parte della professione.

Questa domanda è molto importante per loro. “Non nascondo le mie convinzioni e opinioni politiche, ma c’è una lezione”, afferma Alexei Kuznetsov, insegnante di storia e scienze sociali. – Se lo studente si interessa alla mia posizione dopo la lezione e so che la mia risposta sarà compresa correttamente e non gli sarà detenuta – lui, non io, è importante – risponderò “. Avendo informato ai pazienti una diagnosi difficile, Irina Kotova, un chirurgo endocrinologo, durante una conversazione, parla di più sulla malattia, ma sulle opportunità di conquistarla. Nei film documentari che espongono la realtà del nostro tempo, la regista Elena Torgizhskaya non mostra personale scioccante per motivi etici. Il suo obiettivo è aiutare i suoi eroi. “Grazie ai miei film, qualcuno ha vissuto un po ‘più a lungo, qualcuno ha trovato la medicina, qualcuno dei soldi … e il film sulla vita degli orfani in un normale collegio ha causato una grande confusione e il governo ha promesso di cambiare la legislazione sugli orfani”. La connessione più importante tra le persone è costruita attraverso le parole. È fragile perché è intrecciata da emozioni, paura, sfiducia. Pertanto, devi scendere a compromessi, lasciare qualcosa dietro le quinte.

“Spesso la domanda non è se dire la verità o no, ma come dirlo”, commenta lo psicoterapeuta esistenziale Svetlana Krivtsova. – Mark Twain ha scritto che la verità dovrebbe essere detto mentre servono un cappotto e non la gettano in faccia, come un asciugamano bagnato. Devi parlare lentamente, non formalmente, rispettando quello che ti sta affrontando “. E avere una fiducia sufficientemente autocloscata per osare parole audaci, dolorose o scioccanti.

“Dico quello che penso e quello che credo”

“Un documentario non è una fissazione della realtà. Questa è, in primo luogo, un’opera d’arte e in secondo luogo esclusivamente di copyright. Cioè, realtà ancora condizionale. Quindi, e la verità condizionale. Se io, come autore, costruisco le mie coordinate nel film – dove è buono e dove il male – questo non significa affatto che tutti saranno considerati uguali a me. Soprattutto quelli che, dal mio punto di vista, sono dalla parte del male. Nei film, non mostro tutto ciò che è stato girato. Per motivi etici – come nei rapporti sulla guerra non mostrano i ravvicinati uccisi … Inoltre, non tutto ciò che vedo come professionista può resistere allo spettatore. Penso che ci siano persone che non sono pronte a vedere la verità. Ma non lo spingo lo spettatore – la vita non è affatto zucchero. E ha senso prendersi cura di lei?

Probabilmente, sto entrando in una piccola percentuale di persone che nella loro vita hanno mentito minimamente. Mi è venuto in mente durante l’infanzia che non era redditizio non mentire, perché crea una reputazione. E poi – semplicemente non so

Ovviamente, la maggior parte delle donne ha bisogno della Viagra Super Active del clitoride per ricevere l’orgasmo. Questo è più facile da raggiungere in tali pose (con l’aiuto di una mano o del vibratore):

come. Se lo sono, è così ovvio che mi perderò proprio lì se mi chiedo almeno una domanda principale. Quindi si scopre, non ho scelta. L’opinione aliena è meno interessata a me della mia, e anche la principale autorità per me. Pertanto, dico quello che penso e faccio ciò in cui credo. Anche se ho molte critiche per i miei film, ho persino appeso a LJ un’intera selezione di lettere insoddisfatte. In modo che smettano di toccarmi … “

* I suoi film “Blood Seller” (2008), “Dr. Lisa” (2009) sono diventati i premi del premio TEFI;Il nastro “Mom, I Will Kill You” è stato rilasciato nel 2013.

“Mentire agli studenti è inaccettabile”

“Il vero è importante nei casi fondamentali. E nella vita di tutti i giorni, cerco sempre di concentrarmi sulle circostanze e sulle persone con cui comunico. E posso mentire con calma: considereremo questa una forma di gentilezza. Supponiamo che mi offrano di parlare, ma penso che questa conversazione non sia necessaria, e cercherò di evitarlo – per dire, ad esempio, che non posso, anche se potrei. Ma mentire agli studenti è completamente inaccettabile. C’è un grande rischio di perdere la loro fiducia. Ad esempio, non posso impegnarmi nella propaganda della lotta contro il fumo: fumo e loro lo sanno. D’altra parte, posso tacere o lodare lo studente su qualcosa, anche se capisco che non ha fatto nulla di speciale. E non sarà una bugia. Questo è un tentativo di aggiungere autostima a una persona. Quando sopravvaluterò la valutazione – e questo accade – per valutare gli sforzi, non la conoscenza, troverò l’opportunità di spiegare allo studente cosa è successo male e su cosa devo lavorare. Se scopro che il bambino porterà la storia all’università e chiaramente non ha abbastanza conoscenze, lo informerò di questo, avendo preparato in anticipo un’alternativa: “Sono rimasto sorpreso quando ho scoperto Che tu volessi andare a Histress, ero sicuro di essere sicuro di essere sicuro di essere sicuro di essere sicuro di essere sicuro di essere sicuro di essere sicuro che la tua matematica degli elementi “. Tali conversazioni possono essere condotte solo da una contro uno, amichevole, per mettere una mano sulla spalla, per sedersi accanto a qualcuno … eppure l’insegnante non deve capire come dire una verità scomoda. Ho sempre l’opportunità di rifiutare di discutere qualcosa e i bambini di solito capiscono perché “.

“È importante dare un posto per sperare”

“E per la centesima volta dire al paziente che ha il cancro non è più facile che nel primo. Dopotutto, per la maggior parte delle persone, questa diagnosi sembra una frase. Ma ora è diventato più facile – sono apparsi metodi di trattamento efficaci. Pertanto, quando riferisco la diagnosi, sto parlando non solo della malattia, ma anche delle prospettive. Prima dell’operazione, ti dico quali sono le opzioni, se tutto non è molto buono. E avendo ricevuto i risultati della ricerca, scorro ogni volta nella mia testa: come riferire a questa persona a questa persona? Le persone percepiscono notizie spiacevoli in diversi modi: alcuni sono in grado di trattare con calma qualsiasi informazione, altri sono preoccupati, anche se non vi è alcun motivo speciale, e altri non ascoltano e non capiscono nulla, perché sono completamente chiusi da informazioni negative. Con queste persone il maggior problema è: non è sempre facile per me anche annunciare che le cellule tumorali sono state trovate e cosa dire dieci volte di seguito, solo in versioni diverse? Eppure, una persona potrebbe non credere e non capire quanto sia grave. E poi devi usare l’ultima opzione – per dire direttamente, come si suol dire, sulla fronte. Ma non spaventare, ma insisti sul fatto che devi impegnarti molto seriamente nella tua salute. È importante dare speranza, altrimenti una persona avrà uno shock e potrebbe non voler essere curata. Tuttavia, non posso dire che le persone siano panico, imparando la diagnosi. Alcuni, al contrario, diventano più facili. E ci sono quelli che non vengono affatto per i risultati. Di recente ho operato su una donna e so che se non prende misure, tra sei mesi sarà molto male. Cosa fare: cercala per informare o non disturbare, se la sua scelta? Questa è la domanda…”

  • I bambini mentiranno a te

Gli inviti delle psicologie

  • Informazioni sul progetto
  • Termini di utilizzo
  • Pubblicità sul sito Web
  • Termini di utilizzo
  • Regole per la partecipazione alle competizioni

© 2006-2022 Network Edition "Psicologie.RU – Il sito ufficiale della rivista Psychologies (Psycholojis)", Shkulev Media Holding / ooo “Shkulev Media Holding”.

Certificato di registrazione dei media EL n. FS77-82353, emesso dal Servizio federale per la supervisione di comunicazioni, tecnologie dell’informazione e comunicazioni di massa (Roskomnadzor) 23.undici.2021.

Tutti i diritti riservati. È vietata qualsiasi riproduzione dei materiali del sito senza l’autorizzazione dell’ufficio editoriale. 16+

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *